In un giorno qualunque

Come si sta dentro alle cose, questo pensavo di saperlo ma capita, a volte, di non saperci stare. Di aver voglia di andare. Lì, di fuori, gridare, poi tornare. Stare con me, in silenzio. Dopo. Rileggere il passato, comprenderlo. Disfarlo, riscriverlo, imparare ad amarlo. In fondo siamo quello che pensiamo di essere e quasi mai quello che siamo. La nostra misura sono gli altri. La nostra presenza è condizionata dalla loro e la loro dalla nostra. Ci vide lungo Allport… Siamo esseri sociali con cicatrici sul cuore e sogni chiusi a chiave nella nostra testa. Pensieri sparsi, di giovedì. Studiare psicologia mi rigira, come un calzino colmo di caramelle, rovesciato al contrario sul pavimento in un giorno qualunque.

About Parole Delicate

Mamma tris e coltivatrice di sogni
This entry was posted in Racconti e dintorni. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.