1 marzo

Sono abbonata all’incontro degli idioti ogni primo marzo. Oggi, parcheggio, guardo lo specchietto, mi accingo ad andare in retro, un secondo dopo, eccolo,
me lo trovo dietro con la sua auto, quasi attaccata al sedere della mia. Ingrano la prima e mi sposto in avanti. Parcheggio, mi segue, scende e tenta di sostenere una tesi immaginaria di un urto mai avvenuto. Lo guardo e gli dico di destarsi, visto il pomeriggio inoltrato. Continua a sostenere la sua tesi da persona intenta a fottere il prossimo che, di farsi fottere da lui però non ne ha alcuna voglia. Mi insospettisce, osservo la sua auto e capisco dove il poveretto cerchi di andare a parare. – Vuoi vedere che chiamo i vigili e tutti quelli che mi vengono in mente? Così vediamo se hai ancora voglia di giocare, la tua macchina è bella malconcia ma se pensi di fregarmi hai sbagliato persona! Mi hai ben capito? Aspetta! – gli dico ancora – vedo una pattuglia proprio laggiù! – Faccio cenno di chiamarli e lui prontamente sale in macchina. – Bravo vai e puoi immaginare dove! – . Persone piccole dentro, che tristezza.

Informazioni su Parole Delicate

Mamma tris e coltivatrice di sogni
Questa voce è stata pubblicata in Racconti e dintorni. Contrassegna il permalink.

2 risposte a 1 marzo

  1. Ehipenny ha detto:

    Santo cielo, ma come si può arrivare a fare certe cose? 😓

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.