Little women

Ieri sera, le tre piccole donne e io, siamo andate al cinema a vedere “Little women” (piccole donne) . Romantico e poetico, con atmosfere colme di magia che riuscivi a cogliere perfino nell’aria di quella sala numero tre, gremita di persone. Gli unici posti rimasti liberi erano quelli in prima fila, ma noi non abbiamo esitato un solo istante. La regista, Greta Gerwig, sceglie, con accurata maestria, il susseguirsi continuo di tempo passato e tempo presente, mescolandoli, come in un sogno. Tutta l’opera, così come il libro, viene permeata da una profonda, quanto vera riflessione sulla figura della donna nella società dell’epoca, periodo storico guerra di secessione (1861-1865) e viene alla luce una impronta intensamente femminista. Vi è una madre che si ritrova a crescere le sue quattro figlie da sola poiché il marito è in guerra. Nonostante sia ambientato in un periodo da noi lontano, le argomentazioni sviscerate nel film sono vive più che mai ancora oggi. Il matrimonio e la questione economica, il lavoro e lo studio e la disparità, in entrambi gli ambiti, tra uomo e donna.
La casa, perno focale sul quale gira tutta la storia è intrisa di profumo di dolci appena sfornati, di tende romantiche, di risate, di discussioni in salotto e litigi. Qui si respira la gioia della vita e il suo esatto contrario, la morte. Quest’ultima viene paragonata alla marea, impossibile da arrestare. E poi la forza più grande di tutte le cose che delle cose è sostanza, l’amore; difficile a volte da comprendere e riconoscere. E, quando finalmente arriva il momento giusto, diverso per ciascuna delle sorelle March, viene poi compreso il perché di quella lunga attesa.
Nicole e Letizia, erano le uniche bimbe in sala, spettacolo delle 20,15. Hanno commentato durante le scene, rivelando qualche perplessità sulla scelta delle piccole donne di offrire tutta la loro colazione ai vicini meno abbienti e durante il rifiuto di Laurie da parte di Jo. Terminato il film, la signora seduta dietro di noi ha chiesto loro l’età e quale personaggio fosse piaciuto di più, “tutti” hanno risposto in coro. Inoltre, le due birbanti, hanno ricevuto in dono una bottiglietta d’acqua, dopo aver esclamato ad alta voce e davanti al barista del cinema – povero signore, non possiamo mica fargli fare avanti e indietro – .
Mentre scrivo, Marta suona il pianoforte, fuori dalla finestra vi è un timido sole, le piccole stanno per destarsi e, sul tavolo, vi è una tazza di caffè che mi attende. Buona domenica di cose belle, solo se ti rendono felice.

Informazioni su Parole Delicate

Mamma tris e coltivatrice di sogni
Questa voce è stata pubblicata in Love is all around. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Little women

  1. infuso di riso ha detto:

    Bellissimo film concordo conte!
    Ps: meravigliosa la foto tutta al femminile che hai postato ^_^
    Daniela

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.